giovedì 29 settembre 2011

"Googlando"

Mi si è aperta una pagina del motore di ricerca. Dovevo ricercare qualcosa, ma ho digitato un'altra cosa.

Sotto gli occhi, luminoso su questo dannato schermo, mi è apparsa la relazione di un lavoro così simile al mio di tanti anni fa, quando andavo in reparto, respiravo quell'aria di disinfettante e malattia, quell'aria pesante più di brutti pensieri che di scarso riciclo...

Nostalgia, rimpianto, rimorso. Possibile che non riesca a liberarmi di questi sentimenti?

2 commenti:

  1. Perché se ci sono c'è un perché che non va ignorato altrimenti non avrebbero senso di esistere

    RispondiElimina
  2. E credo che capire i nostri rimorsi e rimpianti e fare qualcosa affinchè non siano più tali sia la chiave della felicità

    RispondiElimina