venerdì 28 ottobre 2011

Qualcosa per cui dire grazie

Il braccio ha ripreso a "funzionare" dopo l'intorpidimento di mercolegì ed ora, a darmi noia, è il ginocchio destro. Poco male, così imparo a usare male i tacchi alti. Sono una delle mie manie, quel tocco - non sempre gentile verso le mie appendici e la mia schiena - che mi fa sentire più "me".
Ancora una volta il mio allenamento non mi ha procurato sodd
isfazione, non mi sono sentita col respiro libero, con la mente vuota, con i muscoli che pulsano energia e buttano fuori rabbia e cattivi pensieri. Mi piace tanto l'idea di queste vene cariche di sangue ossigenato che spazzano via le sozzure della mia mente, i miei pensieri rovinosi e spesso tristi, le mie lacrime non piante che diventano perle di sudore. Non mi importa, non mi importa davvero di apparire in disordine, di essere goffa nei movimenti, impacciata, appiccicaticcia, scarmigliata, con le guanciotte "flush"... No, non c'è nulla di più vivificante per me raggiungere quel "climax", quel fatidico punto di non ritorno in cui mi sembra davero di volare. Dentro si intende, perché le mie scarpette restano ben salde sul pavimento o sull'attrezzo che sto usando.

Per fortuna c'è stato molto altro a darmi soddisfazione. C'è stato un tentativo di riappacificazione con quella amica che mi manca tanto, a cui non troppo tempo fa ho dedicato parole sprezzanti. Mi ha confidato qualcosa, mi ha fatta sentire per un attimo di nuovo parte di sé e lei, a sua volta, è tornata ad essere - sebbene per pochi istanti - parte di me. Mi sono messa a piangere, sul serio, pensando a noi, a ciò che era e a ciò che non sarà più ma che magari...
La mia parte cerco di farla. Mi sono pure sorbita la dimostrazione del famoso elettrodomestico che ogni massaia vorrebbe in casa... solo per lei, per vederla felice, per essere partecipe di queste sue piccole conquiste che so bene essere in realtà, per lei, grandi sogni che giorno dopo giorno si consolidano. Un po' come succede con la neve: esiste quella che si appoggia sull'asfalto e in meno di un battito di ciglia diventa acqua, si dissolve come nulla, muore. Ci sono altri fiocchi, più corposi, più densi che invece resistono, si stringono fra loro la mano, come ad intessere una candida coperta, che avvolge tetti, alberi e superfici di ogni sorta. Ecco i suoi fiocchi si son stretti la mano e stanno per avvolgere i suoi giorni di quel calore di camino e di quella purezza che nel mio immaginario associo alle sere invernali più bianche.

Eh si, soddisfazione è anche sapere che certi clienti, nonostante ti facciano arrabbiare e magari non richiedano più i miei servizi, alla fine riconoscono che io sono stata per loro migliore degli altri o per lo meno gentile e capace di offrire informazioni e delucidazioni come parlassi ad un padre, ad un fratello, ad un amico fidato e non ad uno sconosciuto. Per carità, fa male vedere che il tuo tempo e le tue enrgie siano alla fine stati sprecati, che i contratti non li chiudi tu, che la gloria economica è ad appannaggio di altri... ma fa parte del gioco qualche volta. Meglio essere considerata valida professionista che non arraffona e capace di chiudere ma con il dubbio che ci sia qualcosa di non detto.

Eh così, anche se io non ho comprato il mitico elettrodomestico, se non ho chiuso un bel contratto, se ho mangiato male in questi ultimi tempi e lo specchio non mi rimanda "al meglio" di me, anche se il mio allenamento non è stato una high performance e se ho dolori sparsi da vecchia decrepita... posso dire che qualcosa per cui dire grazie l'ho trovata.

Mi mancano - come sempre - i fiocchi di neve che imbastiscano anche solo un lenzuolo di sogni, non troppo caldo e non necessariamente troppo spesso e soffice. un piccolo tessuto di sogni per me, da tessere e filare con paziesa e soddisfazione.

5 commenti:

  1. ^.^
    E' bello saper essere grati anche quando si vivono dei momenti non troppo belli!

    Sai che mi stupisce leggere la dedizione che stai avendo per il sudore... beh si è una valvola di sfogo... ci rifletto perché a me non è servito a molto negli ultimi anni, ci sono andata sempre contro voglia e mi annoiavo tanto e anzi a tratti mi mortificava perché avevo tempo di pensare a cose brutte come sempre... e adesso sto rimandando e rimandando...e allora capita che alzo il passo per stare appresso al cane e mi viene un fiatone da paura!

    RispondiElimina
  2. Sensibile, dolce e profonda come sempre la mia GdN! :) Notte

    RispondiElimina
  3. bello il paragone con la neve!
    invidio chi riesce ad andare in palestra , nonostante il poco tempo!
    visto il lavoro....
    mi manca molto il sudare, per avere una buona forma fisica...ma sto valutando di fare del nuoto, ha un orario migliore per me.
    mi fa anche piacere che la tua " amica " si sia confidata con te....si fida.
    buon weekend giò!un bacione

    RispondiElimina
  4. Hai fatto qualcosa per queste persone, molto più profondo del chiudere un contratto. Gli hai offerto il meglio di te stessa, loro hanno avuto il meglio che Giò può dare ...
    Pensa Giò, hanno avuto tale fortuna!
    E a quanto pare, si sono accorti di aver avuto tale fortuna!
    Perchè la meraviglia di un'anima speciale si differenzia dall'arroganza alla quale siamo abituati. La correttezza è rara, ma paga sempre|

    RispondiElimina
  5. sono sempre felicissima di leggere intellgenza nelle persone che seguo... si perché per me intelligente è chi sa come dire "grazie" al mondo... sei fantastica!

    RispondiElimina