venerdì 4 novembre 2011

Genova

E mentre io lavoro, mentre la gente entra ed esce, parla, ride e scherza, a Genova c'è chi muore, così come non troppo tempo fa a Scaletta.

E mentre la vita per tanti scorre come sempre, per altri sono attimi di paura.

6 commenti:

  1. Eccomi, ti ho trovata!
    Accidenti, ma sei un vulcano! Quanto scrivi ragazza mia? Addirittura più post al giorno. Io se va bene uno o due a settimana!
    Comunque, davvero, le immagini di Genova, quelle delle Cinque terre...basta un attimo e tutta una vita spazzata via...

    RispondiElimina
  2. Paola :) scrivo come sempre... scrivere, parlare, comunicare come posso e quanto posso mi è indispensabile... non so perché ma è sempre stato così :P
    Grazie di esserci!
    Genova e tutta la Liguria, senza considerare le altre vicende che hanno colpito altre regioni italiane, altre vite... mi fa paura tutto questo. E' impossibile restare impassibili

    RispondiElimina
  3. un pensiero per gli attimi di paura.

    RispondiElimina
  4. Quello che è successo a genova potrebbe succedere a maggior ragione qui a roma dove per meno cm di acqua ci sono allagamenti ovunque. Il mio pensiero è per quei tre poveri bambini che non avranno la possibilità di conoscere la vita....

    RispondiElimina
  5. essendo a casa in vacanza ho visto la tv con le prime immagini.....e per tutto il giorno.....non riuscivo a staccare gli occhi dallo schermo!!!!
    sconcertante!!!!!
    buona domenica giò!

    RispondiElimina
  6. E' triste, molto triste... giovani vite e non strappate così, in un momento, dalla furia dell'acqua e della terra, sembra assurdo ma è reale!

    Spero che passi presto l'emergenza e soprattutto che si prendano provvedimenti affinchè queste cose non succedano più!

    RispondiElimina