venerdì 2 dicembre 2011

Antidolorifici

Ho messo il mio smalto color "quasi cioccolato"

[321 di Kiko, per chi fosse curioso di saperlo... sembra un dupe di Chanel - foto tratta da qui]


 e mi sono lasciata coccolare dal mio giubbetto verde in lana ed eco pelliccia.


foto tratta da Style.it ma il mio è verde scuro
Ci sono parecchi gradi, per essere già dicembre. C'è anche il sole questa mattina (finalmente!). Non ne posso più di nebbia, rimproveri, tristezza e grigiume. Sarà anche per questo che ho sfoderato uno di quei bracciali decisamente vistosi, non esattamente bon ton, parecchio dorati.



Foto tratta dal web

Inforcati i Ray Ban, la mattina mi ha vista alle prese con il medico, per i mei ancora non risolti problemi al ginocchio. Si parla di un tempo d'attesa di circa 5 mesi per una visita ortopedica e - sebbene il dolore stia via via scemando, rispetto ad ormai (ahimé) un mese fa - davvero non me la sento di non dormire per i crampi, di non poter salire e scendere le scale, di non poter camminare con passo spedito - recuperando magari qualche secondo quando sono in ritardo per un appuntamento - ma soprattutto di non potermi allenare. Mi manca tanto correre, mettermi alla prova "Indice di Performance" sul Cardio Wave, sfogare frustrazioni e preoccupazioni con i pesi e le ripetute, i minuti di recupero...

Dovrò pazientare ancora un po' e applicare dosi generose di antidolorifico locale.

Anche l'umore e il lavoro hanno ricevuto la loro iniezione di antidolorifico ieri: è bastato un corso con uno dei formatori aziendali che più apprezzo ed un invito a cena.

Andare a certe riunioni, solitamente, mi urta: non c'è confronto, non ci sono soluzioni pratiche. E' solo un leggere numeri, confrontare dati, accusarsi di non aver prodotto abbastanza o di non abbastanza prodotti, minacce, lezioni mnemoniche e stimoli prossimi allo zero.
Questo formatore, invece, ti da "soluzioni" concrete. Ti serve questo? ecco come ottenerlo con un buon compromesso che rende felici tutte le parti coinvolte. Devi aggiustare quell'altro? mandamelo che lo rivediamo insieme.
Ecco, si, mi piace questo modo di fare. Non ci si perde in chiacchiere inutili, ma numeri veri e soluzioni valide. Ecco spiegato perché la levataccia di ieri, la stanchezza, le corse, è valsa la pena "subirle". Il pomeriggio, poi, in ufficio ho pure avuto modo di confrontarmi con il collega che più sento affine e vicino (anche se è lo stesso che qualche settimana fa mi ha fatto accumulare parecchie figuracce con un cliente e si è preso un guadagno che spettava a me).
Parlare di fatti e concretizzare i pensieri, il "fare" in generale, mi aiuta parecchio a vedere del buono lì dove normalmente vedo polvere e macerie.

Anche una cena, un po' imprevista e inaspettata, aiuta a sistemare rottami. Non ho ancora capito quanto, se e come, dove e perché mi sento il cuore così abbandonato a se stesso. Un po' annerito da caligine e circondato da scarti. Poi capita che ordini una grigliata di verdure da dividere in due, un'insalata mista e un bicchiere di vino di quello buono buono... e pensi che la caligine c'è perché da qualche parte, laggiù sotto gli scarti, brucia ancora quella fiamma che era stata così alta e potente e forte alcuni anni fa.

Forse è fisiologico che i rapporti si raffreddino, che le fiamme si abbassino, che ci sia carbone e cenere, qualche danno collaterale da nero fumo alle pareti.

Il tempo, così padrone, così catena, così bello, così ricorsivo... Il tempo che è solo nostro.


14 commenti:

  1. Che bello questo tuo ultimo pensiero....

    RispondiElimina
  2. Tita, provo sempre a pensare aqualcosa che mi dia la forza di reagire e non sentire sprecato ogni giorno che non va come vorrei.

    RispondiElimina
  3. mmmhhh io per trovare la vecchia fiamma devo spostarne di cenere...a pensarci bene è troppa e dovrei trovare il coraggio di rispolverare l'intero camino.
    Ma oggi c'era il sole, oggi c'era il cioccolato, oggi c'era un pellicciotto caldo...oggi va bene così!

    RispondiElimina
  4. Carissima Amica, fammi un pò capire! Hai una cena galante!!! Racconta dai! E per quanto riguarda il ginocchio, 5 mesi di attesa in ospedale? se mi dici che non riesci a dormire la notte io andrei da un privato! Peccato non abiti qui a Bologna, grazie al mio lavoro ne conosco di bravissimi ( e peccato anche perchè non posso conoscerti)!
    Ti abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. adoro il modo il cui scrivi :) le tue parole sembrano dette stesso dal cuore, scritte di getto senza pensarci un attimo,sincere e toccanti.Hai il dono di trasmettere tutta te stessa in ciò che scrivi è una cosa rarissima, complimenti.

    RispondiElimina
  6. Sai cara, io vedo in questo post molte luci e poche ombre , un buon formatore, una cena galante e nonostante i 5 mesi di attesa, la tua volonta' di tornare in forma.
    Se hai bisogno di aiuto per la parte medica fammi sapere che cred di poterti aiutare!

    RispondiElimina
  7. Ciao!
    Prendersi il proprio tempo fa stare bene,la visuale dei giorni è sicuramente più' serena,oggi ti leggo e vedo la gioia nelle tue parole,un vero piacere!
    Spero che oggi dolore al ginocchio sia meno insistente
    Ti abbraccio! :))))

    RispondiElimina
  8. Basta che vai sulla pagina facebook http://www.facebook.com/pages/Ciu-sisters-boutique/197345306942294 poi se ti piace qualcosa o glielo scrivi in bacheca o mi mandi un mess su FB e ti mando il cell! Buona domenica!

    RispondiElimina
  9. Alice certe fiamme sono decisamente stra super iper spente... vanno solo ricordati la luce ed il calore che ci hanno regalato a suo tempo... per ilr esto, ci sono cose che invece avranno un posticino speciale sempre, forse perchè sono state protette, perché si è evitato il peggio.

    RispondiElimina
  10. Pages, sto attivandomi per fare una visita privata, così vediamo un po' di recuperare un po' di tempo. Le attese in ospedale sono assurde.

    La cena, nulla di che, fidati, ma il fatto stesso di essere andata in uno dei miei locali preferiti con una persona speciale, dopo mesi e mesi di vita "casalinga" mi ha donato energia :)

    RispondiElimina
  11. Antonella, i commenti come i tuoi mi fanno pensare che arriva, in qualche modo contorto, ciò che provo, con i suoi pro ed i suoi contro :) GRAZIE! :)

    RispondiElimina
  12. Francesca, si c'è stato parecchio di buono in quella gioranta :)

    RispondiElimina
  13. Claudia è bello sapere che anche tu hai apprezzat un po' di gioia che traspare da quanto scrivo. Grazie!

    RispondiElimina
  14. Francesca, sono proprio belle le cosine che hanno in questo negozio, davvero! e poi a quanto ho capito tu sei una fedele cliente, vero? :)

    RispondiElimina