martedì 27 dicembre 2011

Question time

Question time alias "delle domande senza senso e senza risposte plausibili".

  1. perché continuiamo a cercarci con lo sguardo quando ci incrociamo con l'auto?
  2. perché l'uno merita per l'altra e viceversa, se ormai a stento ci salutiamo?
  3. perché me lo sono sognata stanotte, che suonava uno strumento strano in una sorta di orchestrina e cantava pure? Oltretutto a me nel sogno scappava pure e mi ritrovavo in uno stanzone con un'infinità di bagni. Inutile dire che non volevo andare, per non perdermi le sue note. Lo sapevo che con lo sguardo, suonando, sorrideva a me.
  4. perché il biondo splendido splendente cerca, periodicamente, di estercermi un appuntamento? quando gli si quieteranno mai gli ormoni?
Lasciamo gli occasionali avventori, cibarsi delle mie paturnie sopra esposte, liberi di esprimersi.

10 commenti:

  1. mmmmmmmh...
    forse un 'attrazione ? qualcosa di sospeso?
    forse i bagni indicano un luogo dove potersi rinchiudere, per non essere disturbati, in caso di timore nell'incontrarlo!
    in quanto è la stanza per eccellenza, dove c'è privacy!
    non saprei cara giò! non conosco gli " estremi della storia "
    ma è interessante!
    se ci sarà un evoluzione, facci sapere!
    passate bene queste feste??
    un abbraccio♥

    RispondiElimina
  2. ...forse è inutile porsi troppe domande... non sempre il cuore segue le regole della ragione (anzi, oserei direi che non le segue quasi mai!!!) quindi, anzichè soffermarti sui perchè, lascia che la vita faccia il suo corso: le cose accadranno, gli eventi risponderanno per te...
    ti abbraccio forte :)

    RispondiElimina
  3. tra cuore e cervello esistono infiniti mondi!

    RispondiElimina
  4. Ciao Gdn!
    Per come sono fatta io già gli avrei fatto queste domande…troppo diretta?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. ...io ho fatto il primo passo con Brivido, in modo molto molto poco principesco...
    tra un mese e mezzo mi sposo...
    vedi te...

    RispondiElimina
  6. Ciao Nadi, feste in famiglia, come sempre, ma senza mia sorella che era per il primo anno - per la prima volta nelle nostre vite - lontana, dai suoceri. E' gisuto così, ma è stato straziante sentirla piangere al telefono perché in quella santa notte le mancavamo noi. Ho pianto con lei, dissimulando le lacrime e i singhiozzi con sfottò e risate.

    Quanto agli estremi delal storia, diciamo che non c'è storia: è una piccola parentesi, grande quanto un post it, di quelli che appiccicavamo nelle agende o tra i diari di scuola... lo ritrovi dopo tempo, quell'appunto, e senti che c'è qualcosa di in sospeso, che avresti potuto fare/dire/sentire... ma va bene così.Suggestioni, come sempre mi accade, dettate più dal passato e dai rimpianti, che da altre determinanti concrete.

    RispondiElimina
  7. SAndra, mi sembrava di leggere una pagina di Coelho.. :) hai ragione ado gni modo... la vita prima o poi risponde.

    RispondiElimina
  8. non ha senso porre queste domande ora... guarda... meglio conservre rappporti normali e una certa dignità. mi liquiderebe con "ma che dici!?"

    RispondiElimina
  9. Pata, ormai sono troppo in ritado ;) :d

    RispondiElimina
  10. Mad, nel mio caso sono a tratti "separati dalla nascita" :D

    RispondiElimina