mercoledì 29 febbraio 2012

Perlina di saggezza


La morte non è una luce che si spegne



La morte non è
una luce che si spegne.
E' mettere fuori la lampada
perché è arrivata l'alba.



(Rabindranath Tagore)



Mi rendo conto di essere noiosa, monotematica e francamente fastidiosa. Giustifico pienamente quel paio di followers persi.
Il fatto è che quando vivi qualcosa di destabilizzante, come la scomparsa di qualcuno che ami, per quanto tu possa immeidatamente tuffarti a peso morto, di pancia, nella vita di prima, tutto assume contorni sfocati.

Continui a pensare che vivi un sogno strano: una vita impastata di penombre, in cui se chiudi gli occhi rivedi costantemente un volto con gli occhi chiusi che non avresti voluto vedere mai più... mai più così. Un viso che vorresti ricordare come prima, caldo, senza quella strana consistenza gommosa che conferisce il rigor mortis. un viso che ti accarezza, che ti bacia, che sfiora il tuo di viso e di cui ti senti piena.

Stanotte ho dormito con mia madre e mia sorella: tutte vicine, tutte strette, tutte un tutt'uno, una gestalt diversa dalla somma delle singole parti. Ho abbracciato mia madre sperando che sui miei recettori sensoriali rimanesse una traccia indelebile di lei per sempre perché quando la perderò voglio poter conservare il più possibile di lei. Vorrei costruirmi una lei in ogni forma possibile che i miei sensi consentano.

Sì, perché vederla star male così, mi conferma che perdere la mamma è la cosa più brutta probabilmente che si possa vivere e mi auguro che in quel più possibile remoto giorno in cui toccherà a me, possa sentirmi in qualche modo confortata, consolata, certa che la morte non è un buio eterno, ma una luce diversa a cui si apre la vita.

5 commenti:

  1. passamelo...
    AFFANCULO i followers...
    ti abbraccio stretta stretta

    RispondiElimina
  2. un abbraccio sincero e commosso, quanto capisco questo sentimento, bellissima citazione e bellissima riflessione... :) per quel che può valere in questo momento! Manuela BHO...BLOG

    RispondiElimina
  3. ti capisco e fin troppo, oppure no..perchè in questi ultimi mesi per me la morte è diventata uan costante, tanto da farci l'abitudine, sarà l'istinto di sopravvivenza, sarà l'egoismo che più o meno abbiamo tutti dentro di noi...
    perdere la mamma, io sono convinta che a me non accadrà mai, penso e spero di andarmene io prima di lei...ho forse questo pensiero è la "mia difesa"...
    stava pensando a mio nonno stamani, se n'è andato già da un po' di mesi, ma io non sono ancora convinta che non ci sia più...
    e poi ripenso alla notte di capodano, l'ambulanza, le lunghe ore di attesa, ora mia nonna è a casa, una situazione non facile ma per ora stabile, solo che mi trovo a rivivere col pensiero quei momenti e ne ho il terrore, che succeda di nuovo..
    purtroppo la vita èa nche questo, il ritrovarsi al cospetto di qualcosa che non si vuole e che si è convinte di non saper affrontare, e invece poi si affronta.
    non so se poi si diventa più forti, penso che solo l'affetto e momenti così, come il tuo di dormire con la tua mamma e con tua sorella regalino davvero più forza..

    un abbraccio

    mad



    p.s. riguardo la TAV ci sarebbero tante cose da dire, ma io ho poca voglia, sono stanca, presa da problemi miei (vedi sopra!), però ti assicuro che è una gran bufala, uno dei tanti prgetti inutili, che sicuramente faranno guadagnare qualcuno, ma non noi, popolo italiano.
    Parlano di trasporti ma a che serve fare treni superveloci se poi le linee regionali e locali son messi malissimo, io abito di fronte alla stazione, quando nevica vedo povero operai in giacca arancione coi secchi d acqua calda per scongelare gli scambi... Da Pescia, per arrivare a Lucca ci metto 30 minuti e sarebbero 15, perchè c'è un solo binario e ogni volta si aspetta fermi in qualche stazione dismessa, certo..si potrebbe fare un secondo binario..peccato che hanno fatto costruire le case così vicine che per farlo si dovrebbero demolire un sacco di interi paesi (e città).E poi le merci...se hanno così interesse nel far viaggiare le merci su ferro, perchè non tirano fuori i treni merci dai depositi, prima che cadano a pezzi? Il fatto è che non c'è interesse e si è investito tutto sulla gomma, che se gli levi questi poi Marchionne s ene va in Asia!! Insomma, la gente della Val Susa fa bene a lottare, non deve piegare la etsta come hanno fatto nel Mugello, che si ritrovano ora con la TAV ma senza acqua e con un paesaggio orribile.. Non facciamoci ingannare da questi predoni!

    RispondiElimina
  4. Ma che bella questa cosa che hai dormito con le due donne.. non le perderai mai, lo sai.. mi unisco a tutte per abbracciarti fortissimo! dai un bacino alla tua mamma che da parte mia!

    RispondiElimina