mercoledì 4 aprile 2012

Il tempo

Metterei un fermo al tempo, se potessi. Se solo esistesse uno di quegli spessori che, vicino ad una porta, evitano che essa si richiuda, che sbatta forte, mettendo a rischio il vetro che la decora... se solo ne esistesse uno identico per il tempo lo impiegherei.

Metterei un fermo al tempo per goderne meglio l'attimo che segue l'attimo e così via.
Un fermo al tempo per spenderlo meglio, per seminare germi di fiducia e di follia da cui raccogliere speranza e spontaneità, da mille e più arbusti sottili, colorati. Un prato di tentativi nel terreno della vita.

Fermare il tempo è un paradosso: se lo fermassimo non ci sarebbe evoluzione. Se non scorre, nulla si può fare.

Dovrei piuttosto sforzarmi di raccogliere da pochi arbusti, tra bacche amare e foglie secche, uno ed un solo momento che renda ogni giorno speciale.

Nessun commento:

Posta un commento