giovedì 26 luglio 2012

Decalogo della tenerezza


1. Poiché la tenerezza è possibile, non c'è nessuna ragione per starne senza.
2. Parlatevi un po' ogni giorno.
3. Crescete insieme, continuamente.
4. Stimati. Gli unici che apprezzano uno zerbino sono quelli che hanno le scarpe sporche.
5. Sii compassionevole.
6. Sii gentile. L'amore non ammette le cattive maniere.
7. Scopri il lato buono e bello delle persone, anche quando fanno di tutto per nasconderlo.
8.Non temere i dissapori e i litigi: solo i morti e gli indifferenti non litigano mai.
9. Non farti coinvolgere dalle piccole irritazioni e meschinità quotidiane.
10. Continua a ridere, tiene in esercizio il cuore e protegge da disturbi cardiaci
(fonte non specificata)  


Davanti alla notizia di un invito mancato, mi è tornato utile ricorrere a queste parole: scoprire il lato buono delle persone è un'impresa sovente titanica, ma non impossibile. D'altro canto, chi lo dice che io sia l'emblema della simpatia o della socievolezza? Io ovviamente... perché se non ci credo io per prima, se non mi stimo io, chi vuoi che lo faccia!? e poi gli zerbini non mi piacciono... lasciano così tante fibre di cocco sul pavimento quelli che ho in ufficio! Anziché pulire, sembrano sporcare di più...

Davanti un'amicizia che si sgretola ma che non vuole annullarsi, che non vuol cedere ai mille e più ostacoli che le si pongono davanti, ho pensato che sì... parlarsi un po' ogni giorno è un vero balsamo per l'anima e per le relazioni più importanti: parlare con il cuore in mano districa i nodi e rende più facile eliminare le asperità.
Ancora: riandando con la mente alla serata del 24, dove mi sono ritorvata coinvolta nel bel mezzo di trenini e balli d'ogni sorta, io che dieci anni fa amavo solo essere invisibile, ho capito che ridere, che essre gentile, che credere nel prossimo, per quanto spesso sia pura illusione, ogni tanto paga ed anche bene.

Di meschinità ne è pieno l'universo, ma preferisco guardare altrove. In barba a chi ha sempre da ridire, facendomi perdere il gusto del verde brillante della siepe, del profumo della pioggia, del tepore dei baci del sole, dell'insolenza del freddo che bussa alla mia spalla.


3 commenti:

  1. Tutto cio' che dici si riassume in una parola, nella positività, quella che ci dovrebbe accompagnare ogni giorno, per cercare di vedere il lato buono anche in chi cerca di nasconderlo, proprio come dici tu! Non è sempre facile, ma ce la possiamo fare e non ne trarremo giovament solo noi ma anche tutto cio' e chi ci circonda ! ^_^ ciao amica, buona giornata!
    p.s. Io odio i tappeti! :P

    RispondiElimina
  2. mi dicono sempre che sorrido sempre!
    sì......voglio essere così!
    io sono sempre alla ricerca del lato buono, nessuno è cattivo dalla nascita, c'è sempre un perchè dietro.....certo è che se nulla lo cambia....me ne allontano. ma non chiudo i rapporti per sempre, l'educazione mi fa salutare e scambiare due parole.
    a volte sono troppo fiduciosa, ma mi viene spontaneoo, forse perchè in me non c'è cattiveria, bugie, inganno.....cogliona?
    forse!!!! ma non riesco a fare del male.....almeno volontariamente!
    non riesco a dire "si arrangerà" "peggio per lei".....
    giò, continua a guardare altrove.....ne beneficerai!
    io come sto? benino....ho un piede piuttosto dolente da un mese , causa piedi cavi e una storta presa a 15 anni piuttosto forte!
    ma aspetto che siano pronti i plantari e dovrebbe passare.
    ti abbraccio♥♥♥

    RispondiElimina
  3. ops.....ho scritto sempre un pò troppe volte :-)

    RispondiElimina